25 dicembre 2007

Buone Feste

A
chi
ama
dormire
ma si sveglia
sempre di buon
umore, a chi saluta
ancora con un bacio, a
chi lavora molto e si diverte di
più, a chi va in fretta in auto ma
non suona ai semafori, a chi arriva
in ritardo ma non cerca scuse,a chi spegne
la televisione per fare due chiacchiere, a chi è
felice il doppio quando fa a metà, a chi si alza presto
per aiutare un amico, a chi ha l'entusiasmo di un bambino
e i pensieri da uomo, a chi vede nero solo quando è buio.
A chi non aspetta Natale
per essere
Migliore

Buone Feste

24 dicembre 2007

E' Natale!

Una volta quando andavi a comprare i vestiti ti regalavano sempre degli adesivi.
Noi li attaccavamo all'interno dell'anta dell'armadio e facevamo a gara a chi riusciva a tappezzarla di piu', con notevole scontento della mamma.

E' un'abitudine passata di moda e, comunque, ora si chiamano stickers.
Così, nobilitati, li devi comprare: c'e' un fiorente mercato su e-bay.
Stamattina ho trovato la mia scrivania tutta appiccicata delle immagini di Geronimo Stilton e non sono riuscita ad inquietarmi davvero.

Vorrei fosse un buon Natale per tutti, accompagnato da un piccolo ricordo di quando eravamo bambini e le cose le sapevamo "da sempre".

14 dicembre 2007

Ascolta

Negli ultimi tempi mi e' capitato spesso, per motivi diversi, di incontrare gruppi di persone del tipo piu' disparato.
Quello che ho sentito come bisogno piu' forte e' la necessita' di stare bene. Fisicamente innanzitutto, non sempre coscienti quanto questo sia specchio di un disagio interiore che a volte parte da molto lontano.

Ben poche persone pero' si chiedono cosa vogliano veramente, quale sia la fonte di felicita' che vanno cercando con cosi' tanto affanno.
E molti non lo sanno, anelano semplicemente al riposo, alla quiete.
Come se fossimo dotati di un interruttore che ci permettesse di azzerare le corse gli affanni gli acciacchi con un click.

Sono profondamente convinta che gran parte dei nostri malesseri derivino dal nostro modo di mal-vivere la vita quotidiana. E sono cosciente di aver scoperto l'acqua calda. Eppure, eppure... basterebbe cosi' poco a volte.

Come i dolori, le delusioni, i tradimenti, il senso di solitudine a volte si stratificano piano piano giorno dopo giorno, perche' non pensare anche soltanto a dieci minuti per noi stessi? Semplicemente lasciando andare i pensieri e svolgendo con attenzione qualsiasi azione stiamo eseguendo in quel momento. Camminare, lavare i piatti, viaggiare. Con consapevolezza.

So che aver fatto la scelta di smettere di lavorare e' un privilegio che solo grazie a Te posso concedermi. E ho imparato a sorvolare sugli sguardi eloquenti di chi mi considera un po' strana.

Ora che non temo piu' quando il tempo si dilata posso fermarmi a contemplare una cagnolina che guarda stupita una formica che le cammina davanti al naso, ammirare di nascosto mio figlio che si e' scelto un libro e legge partendo per un viaggio in cui esistono solo lui e i personaggi della storia, assaporare con gusto la preparazione di un piatto (io che odiavo cucinare).

Silenzio in casa ora, interrotto ogni tanto dal ticchettio di zampette sul pavimento in legno.
Ascolto.

04 dicembre 2007

Bonk!

Aveva un po' di raffreddore e una narice intasata.
L'ho fatto stendere sul divano e ho usato una tecnica cranio-sacrale per liberare le vie nasali.
Ha fatto un sospiro ha ribaltato gli occhi e si e' addormentato alle otto.
BONK!
Chi mi segue sa che e' un record per mio figlio che non si addormenta mai prima delle dieci e mezza.

Penso che domani farò stampare diecimila volantini per applicare la stessa tecnica ai bimbi che non dormono, altro che "Fate la nanna"! :D

03 dicembre 2007

Bambini...

- Gioele, per favore tu e Chiara fate piano che il babbo ha mal di testa e vorrebbe riposarsi un po'.
- Va bene, mamma, ma se non facciamo troppo chiasso possiamo giocare nella REALTA'?
- Certo.
- Allora io sono il RE Gioele e tu sei la REGINA Chiara...

20 novembre 2007

Punto e a capo

Venerdi', sabato e domenica i primi tre giorni di lezione del corso di cranio sacrale(*). Bravissimo il maestro (non per nulla parliamo di Gioacchino Allasia), competenti i tutor, eterogeneo il gruppo di studenti, ma allo stesso tempo in sintonia ed in grado di lavorare con concentrazione e competenza nello scambio di trattamenti.

Bellissima esperienza, collego il ricordo ad un'alba piena di colori e calore.


(*)La terapia cranio sacrale è una pratica di medicina complementare che fa parte del patrimonio osteopatico, anche se viene erroneamente confusa con una medicina alternativa a sé stante.

È stata fondata all'inizio del XX Secolo da William Garner Sutherland, studente in osteopatia il quale durante i suoi studi ebbe l'intuizione che le ossa del cranio potessero essere capaci di un impercettibile movimento "respiratorio". Oggigiorno questa terapia si è sviluppata in diverse metodologie che vanno dal CS osteopatico, più strutturale e fisico, al CS biodinamico, meno invasivo più vicino alle terapie energetiche.

La terapia cranio sacrale biodinamica è basata sulla stimolazione delle risorse del corpo, con lo scopo di aiutarlo a ritrovare o a mantenere il suo stato di salute. Secondo chi la pratica, la terapia è d'aiuto a risolvere i traumi sia psichici sia fisici. Non utilizzando farmaci o manovre fisioterapiche invasive può essere combinata senza controindicazioni ad altre terapie.

La terapia cranio sacrale è basata sulla convinzione che la fisiologia sia basata sul movimento, e che se la corretta biomeccanica del corpo venisse alterata per malattia o per incidente, potrebbe provocare danni all’intero organismo. Per i teorici della disciplina, sarebbe dunque importante ristabilire, nel limite del possibile, la mobilità delle parti colpite per ristabilire l’equilibrio fisiologico del corpo attraverso delicate manipolazioni del cranio.

Sempre secondo la corrente biodinamica, i blocchi hanno anche una natura energetica e nel corpo agiscono dei flussi di energia in movimento (concetto simile al sistema dei Chakra e delle Nadi nella fisiologia orientale). Se in un corpo queste correnti subiscono costrizioni, si perde potenziale; se il blocco continua o si aggrava può sorgere dolore o malattia. Secondo il fondatore, la terapia cranio sacrale avrebbe la capacità di aiutare i pazienti a sciogliere questi blocchi, permettendo al corpo di ritrovare il suo stato di salute.

05 novembre 2007

No need to argue

"There's no need to argue anymore.
I gave all I could, but it left me so sore.
And the thing that makes me mad,
Is the one thing that I had..."

30 ottobre 2007

Va tutto bene

E il mondo e' di un delizioso rosa confetto.

E, dopo...

Cosa lascerò di me?
Incompiuti.

C'e' una sottile foschia, una bruma leggera e impalpabile di pioggia fine.
Basta allungare una mano fuori e mille goccioline ti imperlano le dita, ma quando la ritrai scopri con disgusto che è una bianca, vecchia ragnatela che ti ha avvolto il dorso della mano.

E' un confine sottile...
Un'altra giornata passata sul filo.

22 ottobre 2007

Calcio di rigore

"... Ma Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore
non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore,
un giocatore lo vedi dal coraggio,
dall'altruismo e dalla fantasia.
E chissà quanti ne hai visti e quanti ne vedrai,
di giocatori tristi che non hanno vinto mai,
ed hanno appeso le scarpe a qualche tipo di muro..."



FDG

20 ottobre 2007

Ohama

"OHAMA significa Famiglia, e Famiglia significa che nessuno viene Abbandonato o Dimenticato"

Lilo

17 ottobre 2007

Fatto

Cambiato layout.
Mi spiace aver perso i commenti, ma tanto me li ricordo tutti :)

Oggi vado.

Mi sento levitare a metà tra la pazzia e la ragione in questi risvegli in cui fatico a riconoscermi allo specchio. Il periodo di passaggio tra la fase onirica e la realtà sembra allungarsi ogni giorno di più, ma una luce in fondo al tunnel c'e' e so che -forse- è l'unica speranza di salvezza.
Oppure non mi rendo conto che sono sulla torre ed è la mia chanche perchè qualcuno (io) decida se salire un gradino più su o darmi la spinta definitiva.

Il CORSO. Vado ad iscrivermi al corso oggi.

Ho un bisogno quasi fisico di togliere quelle fotine li sopra.

16 ottobre 2007

Smettiamola di dire cazzate

Dalla DAP non si esce.
Si' certo ci sono i periodi in cui stai meglio, quelli in cui ti impasticchi e ti senti un leone o trovi un terapeuta che ti da una mano.
Ma il decorso e' sempre infausto, dal primo attacco di panico parte una metastasi che ti si nasconde in qualche parte del cervello e prima o poi... prima o poi si riscatena l'inferno.

Sono un'invalida.

15 ottobre 2007

Spegnete le telecamere!

E' una battuta che gira spesso ultimamente in casa G.
Sembra di vivere in una sit-com. Io sono convinta che quei sensori non siano i rilevatori del movimento dell'impianto di allarme, ma telecamere che ci filmano giorno e notte.

Mi basterebbe anche un minimo di lucidità per cambiare il layout di sto blog a dire il vero, ma vado in loop. Due BIGOL un bimbo a casa malato da venerdì scorso (si si doveva rientrare stamattina ma alle otto ha cominciato a vomitare tipo l'esorcista... accidenti all'antibiotico), un marito sull'orlo della crisi di nervi (si si colpa mia ovvio), metterebbero a dura prova i nervi di chiunque.

Il momento più ilare della giornata è stato quando il marmocchio che frignava perchè lo costringevo a soffiarsi il naso mi ha guardato duro e ha sentenziato: "Tu mi sottovaluti!"

Voglio essere nominata!

06 ottobre 2007

Minacce!...

... e dell'inutilità delle stesse.

Ieri sera ho intimato a Gioele di non svegliarci prima delle otto. E fu così
che si svegliò all'una con 38.1 e poi alle due e poi alle quattro e mezza urlando:"Voglio tornare a casa! Mi sento solo!". E obbligandomi a scendere per guardare Boomerang con lui febbricitante fino alle dieci e mezza di stamattina.

Ora se dio vuole si son chetati e dormono tutti e quattro, beagles e Giovanni (che si e' svegliato raffreddato e col mal di gola anche lui)compresi.

La cucina e il bagno sono puliti, mi aspetta la spesa in questo sabato afoso che nemmeno ad agosto... per fortuna l'iper e' aperto fino alle nove.

C'e' tempo.

01 ottobre 2007

Pace

I beagle dormono, Gioele è a scuola, Giovanni al lavoro e io mi godo il primo giorno ufficiale da "disoccupata".

Doppia dose di ansiolitico, va :)

29 settembre 2007

Sissy, arrivata oggi

Della serie beagle 2 la vendetta. Scoperta per caso su un annuncio, ci siamo innamorati del suo musino triste. Anche in questo caso proprietari letteralmente ingannati da un allevatore che non ha tenuto in considerazione il fatto che Sissy avrebbe dovuto passare la maggior parte del tempo da sola in un appartamento privo di giardino.
Ha cinque mesi e mezzo e rispetto a com'era Skip i primi tempi e' un angelo. Forti dell'esperienza passata abbiamo deciso di raccoglierla per evitarle ulteriori traumi. E' dolce, sa scodinzolare e un giro al parco con le giuste indicazioni e' stata una vera e propria passeggiata.
Riesce persino a tenere testa a Skip sebbene sia la meta' di lui. Si sono piaciuti subito e hanno passato il pomeriggio a punzecchiarsi per gioco.

"OHAMA significa Famiglia, e famiglia significa che nessuno viene abbandonato... o dimenticato."

Skip

E' arrivato alla meta' di luglio (ad undici mesi), poco prima che Fred ci lasciasse.
Chiunque pensi che il beagle sia dolce e coccolone, una sorta di piccolo peluche si rende conto ben presto di essersi sbagliato. Nonostante una quarantennale esperienza di cani di tutti i tipi e le razze io e Giovanni dopo due settimane passate con questo ciclone eravamo alle lacrime.
Non e' un cane da appartamento... e' indipendente, testardo, intelligentissimo e per questo "raccogliere" un beagle di undici mesi e' stata una delle esperienze piu' dure.
Skip non era stato educato dai suoi vecchi padroni, "costretti" dal lavoro a tenerlo alla catena la maggior parte del tempo. Non aveva ne' modo ne' maniera e soprattutto non ci considerava minimamente. Grazie all'aiuto di Maurizio e Francesca siamo riusciti ad entrare in contatto con lui e siamo tornati a casa con un cane gestibile e non più una furia scatenata.
Ha imparato finalmente a non tirare come un assatanato al guinzaglio, a non distruggere ogni cosa gli capitasse a tiro, a non rubare, ma soprattutto ha imparato il concetto basilare in casa nostra: "coccole".
E' un cane per esperti, ma una volta imparato a capirlo (soprattutto se si ha la fortuna di incontrarlo da cucciolo e non quasi adulto e traumatizzato come e' capitato a noi) diventa un vero compagno. Ha persino imparato a scodinzolare :)

Illuminazioni

Interno, giorno ... mattino presto.
Lei, lui, marmocchio e cane arrotolati in un unico abbraccio sonnolento.

Il cane lecca e mordicchia il pupo.

Gioele:"Sai mamma, penso che Skip se avesse una compagna non sarebbe sempre cosi' agitato..."
Mamma:"... e' ancora un cucciolo e poi e' un beagle non sarai mai calmo..."
Gioele:"Io non credo, io penso davvero che lui abbia bisogno di qualcuno, perchè non basta essere amati, tutti abbiamo bisogno di amare qualcuno."

16 settembre 2007

Mi preoccupo?

"Riesci a sentire la luna che attira tutti i fluidi del tuo corpo? In genere no. Sei consapevole di quanto le influenze culturali condizionino i tuoi ritmi di vita quotidiani? Anche questo di solito va oltre la tua immediata capacità di sentire. Ma questa settimana potresti essere in grado di fare entrambe le cose. Sei più in sintonia del solito con le misteriose correnti che si sviluppano dentro di te. Sei anche più attento all'influsso che le grandi energie cosmiche e i corsi e ricorsi storici stanno esercitando sul tuo inconscio. Ti consiglio di sfruttare al massimo questa rinnovata sensibilità. Potresti raccogliere suggerimenti importanti su come devi predisporti per affrontare al meglio le trasformazioni sociali in arrivo."

15 settembre 2007

Tana libera tutti

Ovvia, si riapre.
Avevo pensato di ricominciare da zero, in fondo cercavo soltanto un diverso layout.
Mi basta solo risistemarlo un po' e farlo assomigliare di piu' alla persona che sono adesso.

Poi torno eh?

18 luglio 2007

La regola del legionario

Mangia quando puoi mangiare, dormi quando puoi dormire.
Non puoi mai sapere cosa ti aspetta.

26 giugno 2007

Note to self

Mai sostenere di aver toccato il fondo.
Meglio prima assincerarsi che lo sia davvero.

01 giugno 2007

07 maggio 2007

Focalizziamo

Che anno è, che giorno è
questo è il tempo di vivere con te.

Le mie mani, come vedi
non tremano più
e ho nell'anima
in fondo all'anima
cieli immensi e immenso amore
e poi ancora ancora amore
amor per te.

Fiumi azzurri
e colline e praterie
dove corrono dolcissime
le mie malinconie.

L'universo trova spazio
dentro me,ma il coraggio di vivere,
quello,
ancora non c'è...

27 aprile 2007

Il rewamp della pubblicita' on-line

Grazie Google, ora finalmente mi sollazzo a leggere i tag sotto post meno che fuffa, specchietto per le allodole dei soliti in caccia di poco. Amore, auto, cinema, donne, follia, libri, oroscopo, ragazze, soldi ah, basta un poco di fantasia per salire in classifica.

Strano che non si sia pensato a mettere uno spot anche sulle pillole di prozac o paroxetina o paraculina. Li' si' sta il vero business.


Se non e' produttivo e' inutile.
Me ne fotto. Niente banner sui miei acquerelli.

19 aprile 2007

Melanconia

Stanotte mi hai svegliato graffiandomi un braccio.
Ti ho detto insonnolita: "Fred non grattarti cosi' forte!" ma mi e' bastato un secondo di lucidità per capire che qualcosa non andava.
Ti ho visto nella penombra agitare convulsamente le zampe, ansimare, sbavare e ho pensato che il cuore aveva ceduto e te ne stavi andando. Si e' svegliato subito anche Giovanni e siamo rimasti li' a coccolarti e ad accarezzarti finche' non ti sei fermato e hai continuato ad ansimare, le zampe ora quasi inanimate, gli occhi spenti che non mi vedevano.
E ancora coccole, abbracci e carezze e sussurri di incoraggiamento e parole d'amore dette piano piano per non disturbarti ma per farti sapere che qualunque cosa fosse noi eravamo li' con te.
Poi in risposta ad un bacio una scodata felice, ti sei ripreso, mi hai guardato, hai smesso di ansimare sei tornato cosciente della nostra presenza. Stanco, frastornato, ma amoroso come sempre hai deciso che ci meritavamo due slappate sul naso.

Stamattina il veterinario ti ha fatto un sacco di analisi e i risultati non erano per nulla incoraggianti. Alla fine sembra che una delle tante medicine che prendi per il cuore ti abbia abbassato troppo il calcio e questo abbia provocato le convulsioni.

Sono tornata a casa con un sacchetto pieno di nuove medicine per te, che ora sei dai nonni tranquillo a riprendere fiato.
Io sono qui, la casa vuota, probabilmente cerchero' di recuperare la notte insonne abbracciando un cuscino del divano immaginando che tu sia al tuo posto accanto a me come sempre negli ultimi 16 anni.

Puoi farcela a superare anche questa, lo so...

15 marzo 2007

Test d'intelligenza

Decidiamo di testare l'intelligenza di Fred con un semplice esercizio.
Prendo un biscotto glielo faccio vedere, lo metto per terra e lo copro con uno scottex.
"Dov'e' il biscotto Freddy? Prendi il biscotto"
[Dalla postura e dallo sguardo si capisce benissimo che sa dov'e' il biscotto e aspetta pazientemente che quella mezza matta tolga quel coso e possa finalmente mangiare.]
"Uhm.. lo rifaccio eh? Guarda Fred qui c'e' il biscotto, lo copro... dov'e' il biscotto? Prendi il biscotto!"
[Questa e' tutta scema..]
Abbassa un po' il sedere e mi guarda in tralice come per dire allora? Posso prenderlo o ti stai proprio divertendo?
"Dai Fred e' facile! Qui c'e' il biscotto, prendilo!"
[Evabbe' mo' mi son stufato!]
Infila il naso sotto lo scottex e si mangia il biscotto.
Poi si siede e mi lancia uno sguardo tra il compassionevole e lo speranzoso.
Si, si, avrai un altro biscotto e senza scottex :)

Rainbow

Si si lo so poi verrà il freddo, ma...
Ieri mi ha riscaldato un sole gentile e la giornata è stata piena di colori. Il nostro giovane albero ha coraggiosamente mostrato qualche nuova fogliolina e quando ti sono venuta a prendere profumavi di giochi in giardino, il faccino sporco di terra e un sorriso... il TUO sorriso che ti illumina gli occhi tanto quanto te li scurisce quando metti il broncio o sei perso nei tuoi pensieri o sei intento a leggere.
In macchina canticchiavi una filastrocca da bambini e sei corso felice in mezzo al gruppo di bambini con cui fai ginnastica. E poi sola con me stessa tre quarti d'ora per godere ancora di questo sole, un'aranciata bevuta a boccia, un vento gentile che mi faceva compagnia.

Tranquilla. Serena. E canzoni in macchina cantate al ritorno e un babbo accucciolato sul divano che ci aspettava a casa su cui sei saltato senza pietà per un bacio del ritorno.

"I miei genitori". Non babbo ne' mamma: con gli altri tu ci chiami così. Due persone distinte lo sai benissimo, ma compatte e pronte dietro di te.

10 marzo 2007

Scoperte

Ho passato 40 anni della mia vita a eludere l'utilizzo delle medicine, a dimezzarmi le prescrizioni mediche e a soffrire come una bestia.

Poi ho avuto un'illuminazione, ho preso il coraggio a 4 mani e ho scoperto questa "meravigliosa" realta': se prendi la dose giusta di antidolorifico il mal di testa passa.

Se sei perennemente in ansia e cominci a pensare che non avrai scampo per tutta la vita e prendi l'ansiolitico giusto nelle dosi che ti hanno prescritto, l'ansia passa.

Non ho piu' abbastanza tempo davanti a me per permettermi i rimedi a lungo termine. Ho bisogno di un BOOM chimico che mi permetta di vivere adesso.

Adesso mi manca soltanto di scoprire il bool (c) che cancelli definitivamente il tuo fantasma. E anche se dovesse essere venire a piedi fino li' e sputare sulla tua tomba lo faro', perdio.

Vamola'.

08 marzo 2007

Non è facile

I pensieri ci sono, per carità e le cose vanno senz'altro meglio.
Una magica alchimia mi rende cosciente del fatto che la porta della gabbia e' aperta e che se voglio mi basta attraversarla con un passo per uscire.
Poi ci sono i momenti di stanchezza, di fuga, in cui queste quattro sbarre mi sembrano comunque il posto più accogliente, anche se so che non è vero.
Sto (ancora!) cercando la strada. Per me che di solito ho un ottimo orientamento è piuttosto frustrante tutta questa situazione.
Ho imparato a chiedere aiuto. E ho imparato che chiederlo non significa per forza ottenerlo.

Questo doveva succedere anni e anni fa.
Sono ancora molto arrabbiata con te.

15 febbraio 2007

A futura memoria

"Gioele ha un buon rapporto con le insegnanti, partecipa volentieri ai giochi con i compagni. E' rispettoso delle regole della convivenza democratica, dimostra interesse nelle attività scolastiche e partecipa con entusiasmo alle conversazioni collettive.
Ha raggiunto un livello più che buono negli apprendimenti"


Segue pagella piena di "distinto", che ottimo nel primo quadrimestre non lo danno.

14 febbraio 2007

San Valentino visto dal basso

E cosi', stamattina e' uscito con un mazzettino di rose rosse (rigorosamente finte per la paura delle spine) infilato nello zaino.
Per Chiara.

Lo adoro.

22 gennaio 2007

Qui lo dico qui lo nego...

Due settimane di rodaggio. Inizio faticoso, poi piano piano la risalita.
Sembra funzioni.
Sto meglio, quasi senza rendermene conto e forse il risultato sta proprio qui.

Respiro :)

09 gennaio 2007

E' bello

E' bello leggere i vostri commenti, sapere che dopo tanto, tantissimo tempo qualcuno passa ancora di qui per vedere se ci sono.
E ci sono perdio!

A fatica, rosicando ogni minuto, ci so-no.

Grazie.

06 gennaio 2007

02 gennaio 2007

Bandiera bianca

Sprazzi di lucidità.
Impietosi. Brutali. Inutili.
Sia che durino un attimo, che una notte.
Pieni di buoni propositi o intrisi di rimpianto.
Non è stato, non sarà.