30 aprile 2003

Leggendo il post di Patrick sul libro di Ammanniti ho capito perche' leggerlo mi dava l'angoscia.
"Chissà che mostri può sognare ora da adulto uno che ha scoperto da piccolo che i mostri veri, quelli che fanno paura, stanno nel mondo reale. E spesso hanno delle facce a cui vuoi bene, delle facce che ti mancano quando non ci sono. Gente di cui ti fidi."

E' cosi' lampante...
Peccato che qualcosa da qualche parte non abbia funzionato, nel mio caso. Non sono cresciuta, allora. Anzi. Dentro dentro, sotto sotto, mi son rimpicciolita, per non vedere e non sentire e non capire.
Non e' successo nulla.
Ssshhhhtttt....
Da qualche giorno sono stata adottata da un passerottino.
Un cuor di leone che mi si e' avvicinato curioso piu' di una volta in giardino e a cui ho buttato qualche briciola dalla finestra.
Stamattina cippava allegro guardando in alto in attesa del cracker spezzettato apposta per lui.

Si parlava di San Francesco....

29 aprile 2003

Stamattina non volevo andarci, invece ho fatto bene: mi ha rimesso al mondo, anche senza battipanni.
Finalmente riesco a gioire del fatto che c'e' il sole fuori.
E da ieri ho seguito il consiglio di Paperoga che mi ha raccattato domenica pomeriggio in piena crisi esistenziale: ho dato delle priorita' e mi sono concentrata su una cosa alla volta.

Stamattina sono uscita di casa che mi stavano montando la porta d'ingresso e la scala del soppalco e mi ha appena chiamato la banca per avvisarmi che ci hanno finalmente erogato il mutuo.
Vai che forse prima di mezzogiorno mi scappa anche un sorriso :-)


28 aprile 2003

Dice:
"N/A: Normale Amministrazione Check it out. This blog is in I-talian. It doesn't turn me on one bit."
Che fo? Mi offendo come una biscia o mando una mail di ringraziamenti?


Non pregare gli dei perche' potrebbero esaudirti.
Volevo silenzio?
Detto fatto: orecchio destro completamente tappato e sinistro al 50% di funzionalita'.

Che tanto l'EEG piatto ce l'ho gia' di mio...

22 aprile 2003

Seduta di bionergetica odierna.
Mi ha fatto sistemare il materassone di gommapiuma in mezzo alla stanza.
Mi ha fatto mettere a circa dieci centimetri di distanza, ginocchia flesse.
Mi ha fatto impugnare una racchetta con entrambe le mani e mi ha detto:"Alzala in alto, dietro la testa e sbattila con tutte le tue forze sul materasso, dicendo BASTA!"
E' stata veramente una soddisfazione.

Ora ho capito perche' le nostre nonne usavano il battipanni.
La suocera fa battutine che ti mandano la bile di traverso? BUM!
Il pargolo diventa monocorde e l'unica sillaba che pronuncia a tonsille spiegate e':NO? BUM!
Il marito ti fa spazientire? BUM!
Hai bruciato l'arrosto? BUM!
Sono in ritardo coi lavori della casa che non solo non ci sei entrata a Natale, ma nemmeno a Pasqua, e sei consapevole che non ci entrerai non dico il Primo Maggio, ma neanche il primo giugno? BUM! BUM! BUM!

Devo dire - per la verita' - che oggi non ho perso la pazienza nemmeno una volta.
Un record.

19 aprile 2003

Pargolo malaticcio e inevitabilmente querulo tutto il giorno.
Cena di compleanno stasera (quella rinviata per via della caghetta), la nonna ha fatto il miracolo e usciamo soltanto io e Giovanni.
Sara' almeno un anno che non succede.

Memo: rivedere gestione famigliare.

PS:
Ancora - e se possibile di piu' - desiderosa di scolorina.
Si e' aggiunto Stefano, si fa un gruppo d'acquisto?

18 aprile 2003

Soltanto io posso commuovermi guardando un sosia di Freddy Mercury che canta "The Show Must Go On".
Rivoglio i miei CD, maledette scatole!

17 aprile 2003

Non perdo mai un'occasione, quando posso dimostrare di essere inaffidabile.

Vorrei un'enorme gomma da cancellare.
Vorrei un bidone di bianchetto.
Vorrei entrare in una vasca di scolorina.
E sparire.

Qua non ci si annoia mai.
Stamattina porto il pargolo (un po' intontito per la verita') al nido alle nove e dieci. Meno di tre quarti d'ora dopo suona il cellulare.
Guardo distrattamente il display e il cuore mi si ferma quando leggo la parola NIDO.
E' Giada, la tata flemmatica. "Ciao, scusami se ti disturbo, sono Giada, del nido ..."
Cazzo ha impiegato sei minuti per dirmi che era meglio se andavo a prendere Gioele prima che li inondasse di vomito.
Sei minuti senza che il mio cuore facesse il piu' piccolo TUMP!

Prendo la macchina, mi prendo dietro pure il marito perche' mi sono agitata cosi' tanto che il cuore ha recuperato i battiti mancanti in sei secondi e temevo di spatasciarmi con l'auto.Trovo un mimmo molto moscio. Si addormenta in macchina e dorme quasi due ore. A casa ha mangiato un piattone di pasta, la pera, un po' di gelato col biscotto tanto per gradire e ora ridorme.
Giornata persa per nulla. Aritmie in via di normalizzazione.
Resta il dubbio che sia stato lo sciroppo per la tosse che gli ho dato stamattina a digiuno. Direi che di virus non dovrebbe trattarsi visto che dopo l'omaggio alle tate non si e' piu' esibito nell'interpretazione dell'esorcista.

Spero soltanto che non abbia capito che sono andata a prenderlo per via del vomito, altrimenti conoscendolo da domattina comincia a ficcarsi due dita in gola ogni volta che varca la soglia del nido.

Torno a cercare l'uscita.

16 aprile 2003

D. C'e' una frase che ti ha cambiato la vita?
R. Non so se me la cambiera', pero' me l'ha illuminata parecchio.
E' colpa del Rillo ed e' questa la frase incriminata che voglio tenere bene a memoria:
"Poteva vivere così per anni e, diciamocelo, poteva anche non essere considerata vita, la sua.
E questo non vivere lo conduceva a un'idea di immortalità evoluta, che negava l'idea stessa di morte: se non vivo, pensava, come potrei mai morire?"

15 aprile 2003

TERRIBLE TWO!

Eccoli, ci siamo: i terrible two.
Ho avuto tre mesi e mezzo di proroga ma posso affermare con soddisfazione e orgoglio che anche mio figlio cresce.
Hai voglia a ripetere come un mantra: e' una fase e' una fase e' una fase, non prenderla sul personale non prenderla sul personale non prenderla sul personale.
Sinceramente l'ultima settimana mi ha letteralmente annichilito.
Per chi non e' genitore (e con l'umore di oggi aggiungerei: BEATO LUI), i terrible two sono i terribili due anni. Cioe' la fase dei NO.
No a qualsiasi cosa, indipendentemente dalla frase, dalla proposta, dalla giornata, dal tempo, dagli umori. E' sempre NO. No per mettersi il pigiama, no per toglierselo la mattina, NO per restare in casa e due minuti dopo NO per uscire, NO per andare dalla nonna, NO per tornare a casa la sera.

Mi faccio un po' tenerezza perche' le ho provate tutte: la dolcezza, la persuasione, il contenimento, il lasciar correre, l'imposizione, le urla.
Niente. Il risultato e' sempre lo stesso: urla pianti strepiti, sceneggiate da o'zappatore. Si butta in terra piangendo disperato, tira calci e sberloni alla cieca e sembra che gli stiano strappando gli unghielli ad uno ad uno.

Dice e' una fase importante della sua crescita, sta prendendo coscienza della sua assertivita'.
Si' si', per carita' pero' a volte vorrei tanto fargli prendere coscienza del suo sedere con una bella spazzolata :-)

Che poi la sera sul divano mi prende la faccia tra le mani e col vocino piu' angelico del mondo mi sussurra:
- Mamma, mia mamma, questa e' mia mamma. Nessuno ruba mamma, vero?
- No, nessuno ruba mamma tesoro... [Te possino.... ]

Cosi', per favore, se incontrate da qualche parte una mamma o un babbo alle prese con un marmocchio sui due anni urlante, strepitante, che butta calci a destra e a manca, non guardatelo con aria di disapprovazione, non pensate subito che sia un genitore snaturato, abbiate comprensione per le sue coronarie.
Sorridetegli - se potete - un po' complici.
Vi assicuro che ne ha bisogno.

12 aprile 2003

INNAMORARSI DI UN BLOG?

Ci si si puo' innamorare di un blog?
Non ci vedo nulla di strano: a suo tempo mi innamorai di un half-giant nelle lande di Lumen et Umbra, tanto che alla fine l'ho sposato e mi ci sono pure riprodotta, quindi...

Animizzare un blog al punto di innamorarsi (vabbe' dei pensieri/parole/sentimenti che ci leggo dentro e in cui probabilmente mi riconosco)... succulento spunto per uno scoop di Verissimo.

Ma, allora per estensione chiudere/cancellare un blog puo' essere interpretato come una propensione al suicidio?
Oppure semplicemente l'illusione di aver trovato il famoso tasto rewind, un vaffanculo metafisico al mondo che in vita (reale) non ci si puo' permettere?

Quanto c'e' davvero di noi nel nostro blog? Forse quelli che finiscono ad assomigliare sul serio a quei buffi esserini che stanno dietro lo schermo sono i blog di lunga data.
Chi potrebbe riuscire a reggere il gioco per - che so - un anno?
(E, soprattutto, chi cazzo glielo fa fare?)
Voglio dire: ci son quelli che per scelta decidono di pubblicare solo la parte migliore di se', altri solo la parte peggiore. A lungo andare pero' diventa come un rapporto sentimentale. Piano piano esci fuori davvero.

Mica puoi credere sul serio che troverai tua moglie in reggicalze tutte le sere no?
Ti tocchera' anche la volta in cui sara' in tutona e ciabatte.
Semplicemente normale.

P.S. Lo so gia' che commenterai: come mai a me tocca SEMPRE quella in tutona e ciabatte?
E' bastata una tachipirina a togliermi la febbre.
Persiste il mal di gola.
Piove.
Mago della musica saltato comunque perche' il marmocchio si e' addormentato.
Giovanni con giramento di palle.
Annullata cena di stasera perche' la festeggiata ha marito e figlio con febbre a 39 e caghetta.
Tocca ugualmente pranzo dai suoceri.
Tocchera' pure fare la spesa.

Qualcuno sa indicarmi l'uscita?

11 aprile 2003

A grande (ehm...) richiesta, riecco i permalink.
Datemi una tachipirina e sollevero' il mondo.
E' DEL COLORE GIUSTO!
Hanno sbagliato un pezzettino... ma piiiiccolo e sta in un angolo.
Dice non si nota.
Dice Giovanni perche' io sono rintanata in casa. Sotto le coperte.
M'e' tornata la febbre. Trentottoeuno.
Segue bestemmia.
Ieri sera. Madre agonizzante sul divano. Piccolo che gioca coi suoi balocchi. Tv in sottofondo.
Passa l'anteprima di Carabinieri.
Il piccolo si volta perche' riconosce la musica:
- Mimmo vuole vedere quelo.
- Non c'e' stasera, e' solo una pubblicita'.
- Mimmo vuole vedere quelo.
- Ok, lo vedremo... ma perche' ti piace tanto?
Passa un'inquadratura della Arcuri.
- Quela cia' poppe grosse!
Pensavo di avere preso l'influenza: mal di gola, un po' di febbre, mal di schiena, freddo polare, piedi gelati nonostante due paia di calzini, una coperta e due cani sdraiati sopra.
Invece ho soltanto preso freddo.
Stamattina ho un rotolo di filo spinato in gola, ma la temperatura e' ferma a trentaseiemezzo.
Cosi' posso godermi in diretta il montaggio della cucina a casa nuova :-)

Cosa avranno sbagliato? Cosa non tornera'? Ci sara' sicuramente il colpo di scena.
Speriamo bene...

08 aprile 2003

Grafico della giornata odierna in pericolosa precipitosissima discesa.
Repubblica:
Un carrarmato Usa spara sul "Palestine" di Bagdad. Morto un reporter, altri quattro feriti. Il comando americano: "Nell'albergo operavano cecchini iracheni".

Sul carrarmato invece operavano cecati americani.

Il capitano Frank Thorp precisa: "Sin dall'inizio abbiamo detto molto chiaramente che Bagdad sarebbe stata molto pericolosa, è zona di guerra"

Che diavolo! Sti' giornalisti!
Poffarbacco!
Il mio subconscio sta facendo a pugni con se' stesso.
Ho affrontato la paura con due pagine della Littizzetto e mi sono addormentata piuttosto serenamente.
I cani hanno sentito la mia inquietudine perche' mi si sono accucciati addosso con fare protettivo.
Cosi' - sempre verso mezzanotte - mi ha svegliato un incubo truculento che, anziche' spaventarmi, mi ha tranquillizzata spiccicandomi via di dosso il brutto sogno di ieri notte.
Vacci a capi'....

07 aprile 2003

Puo' un sogno essere cosi' sgradevole da farti rimandare senza rendertene conto il momento di andare a dormire?
Puo' un sogno angosciarti talmente da farti sentire un pugno nello stomaco quando entri in camera da letto?
Puo' un sogno farti venire una voglia irresistibile di aprire la finestra perche' solo al pensiero di sdraiarti ti prendono le vertigini e ti manca l'aria?

Evidentemente si'.
Puo'.
Una cosa mi sono ricordata di farla: firmare la petizione.
No, non si e' raddrizzata.
E il freddo ha peggiorato l'umore.
C'e' un sogno, un brutto sogno, che ho fatto stanotte e mi si e' appiccicato addosso.
Non riesco a scrollarlo via, non ci e' riuscito nemmeno il vento gelido fuori.
Come si fa a raddrizzare una giornata storta?
Sono completamente rincoglionita stamattina, devo avere la pressione a meno due e non riesco a concentrarmi.
Prima sono uscita a fumare una sigaretta e mi sono trattenuta a stento dal mettermi in macchina a dormire.
Ronf.......

05 aprile 2003

Volevo rendere partecipe l'umanita' tutta che stamattina ho dormito fino alle nove e mezza.

04 aprile 2003

Ho perso un colpo, rincoglionita dal sonno.
Volevo fare uno screenshot della home di Repubblica di cinque minuti fa.
Titolone: L'aeroporto e' nostro
Sotto, la foto di un aereo che sembrava masticato da Godzilla.
Due righe di commento tra cui: 320 vittime irachene, nessuna perdita.

02 aprile 2003

Vorrei non vedere.
Vorrei non sentire.
Vorrei disimparare a leggere.
Vorrei spegnere la voglia di sapere.
Vorrei smettere di guardare quelle mille bandiere che sventolano.
Inascoltate.
E' un tamburo che batte incessante, in sottofondo, a cui non riesco a sfuggire.
Parte piano e aumenta di ora in ora, ineluttabile.
GUERRA-MORTE-GUERRA-MORTE-GUERRA-MORTE.
Vorrei sapere come farli tacere, tutti, nei loro talk show.
E vederli piangere. Unico commento sensato.
In questo momento ho voglia di URLARE.
Sono stanca, infreddolita, affamata e pure un po' umidiccia perche' ho preso l'acqua.
Credevo di essere vaccinata contro i sensi di colpa, invece l'atteggiamento di "certe madri" riesce ancora a farmi sentire inadeguata e colpevole.
Ora esco e vado a prendere a calci qualcosa.